Fumetti e Graphic Novel, Recensioni
Comments 2

Recensione: Il suono del mondo a memoria

Se guardi e non riesci a vedere, forse il problema è che in realtà non stai ascoltando te stesso. Succede, quando si è convinti di conoscere il suono del mondo a memoria.

New York è una canzone. Una melodia in quattro quarti che riecheggia da un giradischi e scrive il ritmo della città.
New York è un brulichio di suoni, un mormorio in sottofondo, lo sferragliare degli ingranaggi che manovrano gli abitanti e ne decidono il destino.
New York è un ricordo. Un istante che ti rimane impresso nella mente e non ti abbandona più.
New York è un attimo che può durare in eterno.

E per Sam, New York è una sfida. Fotoreporter con alle spalle un amore appena finito, Sam arriva nella metropoli con un solo scopo: trascorrere due mesi in città senza parlare con nessuno, per raccontare poi l’esperienza in un articolo della sua rivista. Tutte le mattine esce di casa, con le cuffie sulle orecchie e una macchina fotografica al collo, alla ricerca di scorci e istanti da catturare con il suo obiettivo. E la sera si ferma in negozio a far sviluppare le foto. Tutto questo stando ben attento a non rivolgere parola a nessuno, a rispettare le sue regole. Perché di regole Sam se ne è imposte molte: ha costruito un muro dietro cui trincerarsi e nascondere la sua insicurezza e il suo dolore.

suono_mondo_memoria_2

Ma New York, come il destino, se ne sbatte delle regole. E reagisce. Lo fa quando sembra filare tutto liscio, quando Sam è ormai giunto a metà della sua sfida. Una sera, appena rientrato a casa, il ragazzo apre il pacchetto che contiene le foto scattate durante la giornata. Sono immagini in bianco e nero, ma in cui, a colori, compare sempre la stessa ragazza. E nella grande metropoli con più di otto milioni di abitanti, dove incontrare la stessa persona più di una volta è impossibile, questo significherà qualcosa, no?

Giacomo Bevilacqua scrive, disegna e colora una graphic novel magnifica: un quadro dipinto con naturalezza, ricco di dettagli, di sfumature e di immagini suggestive. Un racconto dove la vera protagonista della storia è New York, con i suoi scorci e le sue architetture, le sue strade e i suoi abitanti. E l’autore, che a New York ci ha vissuto, riesce a cogliere a fondo l’anima della metropoli, trasmettendola al lettore in una storia che, una volta terminata, viene voglia di iniziare ancora. Dalla prima pagina.

suono_mondo_memoria_1


Titolo: Il suono del mondo a memoria
Autore: Giacomo Bevilacqua
Editore: Bao Publishing
Anno: 2016
179 pagine

2 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...