Recensioni, Young Adult
Comment 1

Recensione: Non so chi sei ma io sono qui

È lì che ho visto il post di Blu. Mi pare fosse un pensiero sulla solitudine. Parlava di come sia possibile memorizzare i gesti di qualcuno senza arrivare mai a conoscerne i pensieri. Di come le persone siano simili a case con enormi stanze e minuscole finestre.
Parlava della sensazione di essere così esposto. Di essere così esposto e al tempo stesso nascosto nel tuo essere gay. Leggendo quella parte, ho provato paura e imbarazzo, ma c’era anche un tranquillo battito di eccitazione. Non so spiegare come mi sono sentito quando l’ho letto. Dovevo conoscerlo e basta.

non_so_chi_sei_ma_io_sono_qui_becky_albertalliSimon è gay. Non lo sa nessuno, visto che ha deciso di tenere tutto per sé, come fosse il più grande segreto sulla faccia della Terra. L’ha detto a una sola persona: Blu, un misterioso compagno di scuola con il quale porta avanti una fitta e appassionata corrispondenza online. Con lui Simon riesce ad aprirsi completamente, riesce a essere sé stesso e a raccontare anche i dettagli più imbarazzanti. E piano piano – o forse no, forse è proprio un colpo di fulmine – si innamora di Blu.

A rovinare tutto ci pensa Martin, un nerd imbranato e tutt’altro che simpatico. Un giorno scopre le email di Simon, con dettagli supersegreti annessi, e parte il ricatto: o il ragazzo lo aiuta a conquistare Abby, oppure Martin rivelerà a tutti quello che ha scoperto. Situazione difficile. Parecchio. Perché Abby non è per nulla interessata a Martin. Ma molto interessata al miglior amico di Simon. Forse stavolta il suo segreto è destinato a venire a galla.

Finalmente un romanzo young adult che ci dà molte soddisfazioni. Simon è un personaggio sincero, che appare profondamente reale. Con la sua voce fresca e vera descrive le situazioni che vive tutti i giorni, che poi sono le situazioni di ogni adolescente: la vita in famiglia e a scuola, le giornate con gli amici tra litigi e prese in giro, le sue emozioni e le sue pulsioni.

E se è vero che la storia è incentrata sull’amore di un ragazzo per un altro ragazzo, questo romanzo parla comunque a tutti, indipendentemente da quale sia l’orientamento sessuale di ognuno di noi. Perché tutti abbiamo provato la sensazione di essere continuamente giudicati, o il timore di deludere chi ci vuole bene, o ancora la paura di non essere all’altezza di una situazione. E soprattutto il terrore di non piacere alla persona di cui ci stiamo innamorando.

Becky Albertalli riesce a confezionare una storia bellissima. Una storia semplice e dolce, ma che racconta con grande profondità il coraggio e la crescita di un ragazzo, e la sua grande evoluzione nell’approcciarsi alla vita. Una storia che affronta temi delicati con una tenerezza inaspettata. Una storia che sa emozionare e appassionare, e che con la sua dolcezza riuscirà a fare breccia nel cuore di ogni lettore. Già, perché la storia d’amore tra Simon e Blu è una delle più belle e tenere e dolci del panorama young adult.


Titolo: Non so chi sei ma io sono qui (ristampato con il titolo: Tuo, Simon)
Autrice: Becky Albertalli
Editore: Mondadori
Anno: 2016 (2015)
Titolo originale: Simon vs. the Homo Sapiens Agenda
Traduttrice: Tiziana Lo Porto
Pagine: 248
Prezzo: 17 euro

Leggi la mia recensione WUZ
Leggi la mia recensione su IBS

1 commento

  1. Pingback: Cosa c’è di nuovo: Non so chi sei ma io sono qui | Chiedilo all'Orango

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...