Bambini e ragazzi, Graphic Review, Recensioni
Lascia un commento

Recensione: Oliver e le Isole Vagabonde

Non tutte le isole rimangono dove le metti. Alcune si muovono. Un attimo sono qui, l’altro chissà dove. Questa è una di quelle isole.

Se sei figlio di due esploratori, la tua infanzia potrebbe essere un tantino movimentata. Come quella di Oliver Crisp, che quando era ancora nel passeggino era stato rapito da un’aquila, che non aveva perso la calma quando un orso gli aveva rubato il sacco a pelo, e che aveva fatto un’escursione in bicicletta intorno al cratere di un vulcano, con bombe di lava che esplodevano tutto attorno.

Oliver e le Isole Vagabonde - Graphic Review

Oliver ha passato la sua vita in giro per il mondo, tra grotte da esplorare e templi in rovina da scoprire. Non ha mai avuto un amico o una casa, non è mai andato a scuola. Ma ora che ha compiuto dieci anni, i suoi genitori hanno preso una decisione: basta esplorazioni, perché ormai il mondo non ha più segreti per loro. È arrivato il momento di andare a vivere nella loro casa affacciata sulla Baia degli Abissi. Per Oliver è una notizia bellissima: finalmente può avere una stanza tutta per sé, un letto comodo, lo stesso panorama tutte le mattine. Finalmente potrà godersi un po’ di normalità.

Ma nella vita degli esploratori forse la parola normalità non è contemplata. Perché non appena mettono piede nella loro casa, i genitori di Oliver notano delle strane isole nella baia, mai viste prima. Da dove sono spuntate? Cosa ci fanno lì? Cosa nascondono? Ma soprattutto: come resistere alla tentazione di esplorarle per scoprire i loro segreti? Così, i signori Crisp saltano a bordo del loro canotto arancione e prendono il mare, senza però fare ritorno, nemmeno al calare del sole.

E quando Oliver si affaccerà sulla baia e non vedrà più né i genitori né le isole misteriose, dovrà lasciarsi all’avventura. Inseguirà la Isole Vagabonde, farà amicizia con una sirenetta miope e un albatros brontolone, si troverà ad affrontare la temibile isola chiamata Petrobrivido e il suo esercito di scimmie del mare, e ce la metterà tutta per attraversare il Mar dei Sarcasmi e raggiungere le Sacre Secche, un luogo magico che accoglie tutti gli esseri del mare quando le persone hanno ormai smesso di credere alla loro esistenza. Solo qui potrà ritrovare i suoi genitori e assistere alla grande Notte delle Parrucche di Mare, durante la quale ogni Isola Vagabonda sfoggia la sua capigliatura, arricchita con tutti i relitti, le alghe e i pesci che è riuscita a collezionare in giro per il mare.

Philip Reeve e Sarah McIntyre ci faranno vivere un’avventura in un mare magico e fantasioso. Con una storia originale e avvincente, arricchita da illustrazioni simpaticissime, curate e piene di dettagli, ci faranno riflettere sull’amicizia, sulla famiglia, sul coraggio, sullo spirito di avventura, ma anche sul grande e misterioso significato della parola casa.


Oliver_e_le_isole_vagabondeTitolo: Oliver e le Isole Vagabonde
Autore: Philip Reeve
Illustratrice: Sarah McIntyre
Editore: Il Castoro
Anno: 2016 (2013)
Titolo originale: Oliver and the Seawigs
Traduttrice: Laura Bortoluzzi
Età: da 8 anni
Pagine: 193
Prezzo: 13,50 euro
ISBN: 9788869660849

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...