Recensioni, Young Adult
Lascia un commento

Recensione in anteprima: Flawed

Penso ai Fallati che incrocio ogni giorno per strada, gente che non posso guardare negli occhi, gente che scanso per non correre il rischio di sfiorarla. Penso alle cicatrici che li identificano, le fasce sul braccio, le loro limitate possibilità, la loro vita ancora all’interno della società ma lontano da tutto ciò che desiderano. Li si vede spesso in attesa alle fermate del coprifuoco, giù in città, costretti a rientrare in casa entro le dieci di sera in inverno, le undici in estate. Vivono nel nostro stesso mondo, ma in maniera diversa. E io, voglio diventare come loro?

Flawed_Gli_imperfettiUna F all’interno di un cerchio. È questo il simbolo dei Fallati, inciso per sempre sulla loro pelle, una cicatrice indelebile a ricordare al resto del mondo i loro errori e la loro inadeguatezza. Un marchio fatto con il fuoco che li rende cittadini di infimo livello, isolati e disprezzati dalla società.

Prendi la decisione sbagliata e ti marchieranno sulla tempia. Menti, e il segno sarà sulla lingua. Commetti furti a danno della società e porterai il simbolo sul palmo della mano destra. Sulla pianta del piede sinistro, se agisci senza seguire le norme sociali. E sul petto, all’altezza del cuore, se ti dimostri infedele nei confronti della Gilda. Perché è proprio la Gilda a decidere chi è Fallato e chi no. A decretare chi si è comportato in maniera immorale. A giudicare chi non è “perfetto”.

E in questo mondo dominato dalla ricerca della perfezione e dalla condanna dell’immoralità vive Celestine North. Per diciassette anni è stata la studentessa modello e la figlia esemplare, nonché la fidanzata impeccabile di Art, il figlio del giudice Crevan, l’uomo a capo della Gilda. Per diciassette anni non ha mai avuto dubbi sul suo ruolo nel mondo e nella società. Per diciassette anni non ha mai deviato dalle norme sociali e non le ha mai messe in discussione. Per Celestine esistono solo il bianco e il nero, la perfezione e l’imperfezione. Niente sfumature, niente vie di mezzo. Fino al giorno in cui decide di aiutare un Fallato. Perché in quel momento non conta ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, ciò che è legale e ciò che non lo è. In quel momento esistono solo compassione e pietà e umanità.

Ma ora Celestine dovrà pagare le conseguenze di quel gesto, perché nessuno può permettersi di aiutare un Fallato. Sarà incarcerata, processata, umiliata. E marchiata. Ma i suoi gesti e la sua compassione non passeranno inosservati. E le sue parole potranno diventare la bandiera di un movimento composto da uomini e donne che ritengono un onore essere Fallati, e sono disposti a tutto per porre fine alla dittatura della Gilda.

Già autrice di successo di romanzi d’amore, Cecelia Ahern si cimenta stavolta nella narrativa young adult, scegliendo quel genere distopico così amato dagli adolescenti. Dopo Hunger Games e Divergent, ecco una nuova eroina che proverà sulla propria pelle – letteralmente, in questo caso – che cosa significa non accettare e non adeguarsi alle norme imposte dalla società. E che si renderà conto che la perfezione non si trova nel bianco o nel nero, ma va cercata nelle infinite sfumature che corrono da un colore all’altro.


Titolo: Flawed. Gli imperfetti
Autrice: Cecelia Ahern
Editore: De Agostini YA
Anno: 2016
Titolo originale: Flawed
416 pagine

Leggi la mia recensione su WUZ
Leggi la mia recensione su IBS.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...